Questo sito utilizza cookie tecnici nostri e di terze parti. Se vuoi saperne di più clicca sul tasto "Informazioni". Cliccando sul tasto "Conferma" presti il consenso all’uso di tutti i cookie.
All for Joomla All for Webmasters
Il Nostro Angolo di Libertà

Alzheimer: trovato legame con OMEGA 3 e 6

Una cattiva regolazione sembrerebbe in relazione con la malattia

Una cattiva regolazione di acidi grassi insaturi OMEGA3 e OMEGA6, noti per le capacità di "abbattere" il colesterolo cattivo, è associata all'avanzamento dell'Alzheimer. A dimostrarlo, uno studio pubblicato sulla rivista PLoS Medicine.

I ricercatori dell'Institute of Pharmaceutical Science, King's College London e del National Institute on Aging degli Stati Uniti hanno eseguito test su campioni di tessuto celebrale di oltre 43 persone (tra i 57 e i 95 anni). Hanno confrontato la concetrazione di 100 metaboliti di acidi grassi diversi in 3 categorie: persone sane, persone con alti livelli di Tau e Amiloide (senza problemi di memoria) e persone con l'Alzheimer.

In particolare hanno analizzati i livelli di metaboliti nel giro frontale medio e giro temporale inferiore (regioni associate all'alzheimer).

Alcuni livelli di acidi grassi insaturi (in particolare acido docosaesaenoico, linoleico, arachidonico, eicosapentaenoico e oleico) sono stati molto alterati nel cervello dei pazienti affetti da Alzheimer rispetto ai pazienti sani. Si ritiene che il motivo principale per l'avanzamento del morbo sia lo sviluppo esponenziale delle proteine Tau e Betaamiloidi

Il centro Assistenza Famiglia Di Zappalà Giuseppina segue diversi pazienti che sono colpiti da Alzheimer. Fino a quando non verrà scoperta una cura, tutti i nostri operatori continueranno a dare il massimo per dare un po di sollievo a queste persone.

Alzheimer, un nuovo grande passo verso una cura

Finalmente è stata scattata la fotografia più ravvicinata e più dettagliata nella storia dell'Alzheimer; un'immagine che riesce a cogliere fino ai dettagli atomici della proteina Tau nel cervello di un paziente con diagnosi confermata di Alzheimer. A scattarla è stato un team di scienziati del Laboratorio di biologia molecolare del Medical Research Council (Mrc) nel Regno Unito e dell'Indiana University School of Medicine, il primo a 'svelare' le strutture dei filamenti di Tau ad altissima risoluzione.
Cos'è la proteina Tau?
La proteina Tau stabilizza i microtubuli e se mutata (iperfosforilata) provoca gravi malattie neurodegenerative dette taupatie, come la malattia di Alzheimer.
"E' un grande passo avanti", sottolinea lo scienziato. "È chiaro che la tau è estremamente importante per la progressione dell'Alzheimer e di alcune forme di demenza. Ora per quanto riguarda la progettazione di agenti terapeutici le possibilità diventano enormi". Le nuove immagini e la loro analisi, osserva Ghetti, potrebbero aiutare gli scienziati a comprendere meglio i meccanismi molecolari che causano l'Alzheimer e identificare nuove strategie di prevenzione, diagnosi e trattamento per questa e altre malattie neurodegenerative.
Questo è davvero un grandissimo passo avanti e speriamo che sia il grande tassello che mancava per arrivare a studiare una cura per questa malattia che colpisce migliaia di anziani all'anno. Alzheimer, mangia davvero i propri ricordi, e trasforma completamente una persona che non si ricorda minimamente della propria vita e dei propri cari! Il centro Assistenza Famiglia Di Zappalà Giuseppina segue diversi pazienti che sono colpiti da Alzheimer ed effettivamente è davvero difficile vedere il dolore dei familiari quando non si vedono più riconoscere. Fino a quando non verrà scoperta una cura, tutti gli operatori del centro continueranno a fare il massimo per fare sentire un pochino meglio, questi poveri anziani, la cui vita viene cancellata un pezzettino alla volta, ogni giorno che passa.
20 anni assistenza famiglia

Anniversario Assistenza Famiglia - 20 anni di attività

Sono passati venti anni da quando ci siamo imbarcati in quest'avventura assistenziale. E sin dall'inizio siamo riusciti ad improntare il nostro lavoro sulle qualità che noi ritenevamo essenziali in questa realtà: professionalità, disponibilità, empatia, gentilezza e tanto amore.

Siamo contenti che tantissime persone hanno affidato la serenità dei loro cari nelle nostre mani e siamo qui oggi per ringraziarli della fiducia che ci hanno dato e che continuano a darci giorno dopo giorno.

Per questo abbiamo pensato di fare questa brevissima intervista, per ringraziarvi e per fare capire anche, a chi ancora non ci conosce, come lavoriamo e cosa ci differenzia dagli altri.

Siamo sicuri che questi venti anni sono stati solo l'inizio di una lunga attività caratterizzata dalla soddisfazione e dalla serenità di ogni nostro assistito.

Vi auguriamo buona visione!

La casa di riposo degli orrori - anziani incatenati e picchiati

Sono davvero tante le cose brutte che sono venute alla luce dopo diverse settimane di indagini del Nucleo Operativo dei Carabinieri di Ravenna. E fortunatamente gli aguzzini sono finalmente finiti in manette e gli anziani ricollocati in strutture adeguate. Ma vediamo nello specifico cosa è successo. Sembrerebbe che tra le varie cose che succedevano all'interno di questa casa famiglia gestita da due persone, un italiano e un romeno, ci fossero maltrattamenti sia psicologici che fisici. Infatti i due insultavano e umiliavano pesantemente i poveri anziani e inoltre li picchiavano e li legavano ai loro letti con catene e lucchetti. Spesso il tutto finiva con i poverini che restavano chiusi per ore, incatenati e al buio.
Sono durate ben tre settimane le intercettazioni dei carabinieri che hanno poi deciso di intervenire dopo l'ennesimo maltrattamento ad una donna anziana sfociato in una testata alla donna dopo averla bagnata con getti di acqua gelata. La cosa più sconvolgente che i due aguzzini, sono rimasti meravigliati dall'intervento dei militari. Gli uomini del Nucleo Operativo di Ravenna hanno detto che i due erano tranquilli quasi fosse normale quello che facevano. In un primo momento hanno persino negato la presenza della donna nella clinica ma dopo l'insistenza dei carabinieri sono stati costretti a far soccorrere la donna che si trovava incatenata in uno stanzino.
Fortunatamente gli anziani adesso stanno bene e sono stati ricollocati in strutture adeguate al nome che portano. Purtroppo questi eventi si continuano a verificare facendoci gelare il sangue tutte le volte che ne veniamo a conoscenza.
Ecco perchè è importantissimo affidarsi a personale qualificato ma sopratutto fidato. Il Centro Assistenza Famiglia di Zappalà Giuseppina è da oltre 20 anni che è conosciuto per le sue ottime qualità come gentilezza, compassione e cura del malato.